Ilaria con manovra di disostruzione salva un bambino

La nostra Ilaria, volontaria nella squadra Aquilotti della Croce Verde di Condove, ci racconta la sua esperienza con manovra di disostruzione 

Ecco i dettagli sul bambino:
Sesso: maschio
Età: 2 anni e 5 mesi
Peso: 13 kg ca
Stato di salute: sano
Carattere: molto vivace

Riassunto ciò che è successo:

Eravamo tutti seduti al tavolo e stavamo cenando.
La mamma, seduta accanto al bambino (Corrado), stava affettando il würstel che poi lui avrebbe mangiato.
Nel mentre, Corrado tentava di giocare con i pezzi non ancora affettati, portandoseli in bocca e non dando tempo alla mamma di riprenderli per poterli tagliare maggiormente.
Nonostante le richieste della madre, il bimbo continuava a potarsi i pezzi (più grandi di un cubetto di zucchero da caffè) in bocca, tentando di masticarli.
Ad un certo punto Corrado deve aver involontariamente ingoiato uno di questi pezzi: ha infatti iniziato a tossire e, per i primi 5-7 secondi, la mamma non si è accorta che i colpi di tosse stavano diminuendo e che il viso del bimbo stava diventando rosso.
Quando lui ha iniziato a boccheggiare e portarsi le mani alla gola senza più tossire, ci siamo resi conto che il corpo estraneo aveva bloccato le vie aeree e che, se non si fosse intervenuto, sarebbe andato in arresto respiratorio.
Tutto questo è accaduto nei 5 secondi successivi alla scomparsa della tosse, complessivamente 10 secondi dopo l’atto di ingoiare.
A questo punto la mamma lo ha afferrato velocemente e, in preda al panico, lo ha messo a testa in giù tenendolo per i fianchi, sperando di far uscire il boccone at traverso la forza di gravità.
Il bimbo ormai era completamente rosso in viso e boccheggiava.
Non appena ho visto che l’atto della madre non stava avendo alcun effetto e che la situazione stava peggiorando, mi sono mossa d’istinto, senza nemmeno realizzare che le avevo preso il bambino dalle mani e che mi ero posizionata molto velocemente per la manovra di Heimlich.
(La mamma non ha opposto resistenza e devo ammettere che questo mi ha sorpresa: non pensavo che si sarebbe fidata, ma immagino che tutto sia accaduto troppo in fretta per accorgersene)

Dopo essermi inginocchiata e aver posizionato il bambino davanti a me, ho messo in atto la manovra di disostruzione.
Non ho riscontrato difficoltà nel trovare la posizione giusta e, dopo 4 spinte, ho sentito un suono tipo “bottiglia che si stappa” (non saprei come definirlo altrimenti) e ho capito che il corpo estraneo era risalito nella bocca del bambino.
Ho operato un’altra spinta giusto per sicurezza, ma subito dopo Corrado ha iniziato a piangere e allora mi sono resa conto che stava bene.
La mamma lo ha subito preso in braccio facendogli segno di sputare il corpo.
Corrado ha continuato a piangere per lo spavento e la mamma è rimasta molto scossa dall’accaduto.
Una volta calmato, il bimbo non ha più voluto mangiare nulla e la mamma lo ha portato a letto.
Il tutto sarà durato circa 30-40 secondi: io mi sono resa conto solo dopo di quello che avevo fatto.
Come già detto, la mente mi si è svuotata nel momento in cui ho preso il bimbo dalla mamma e ho sentito che qualcosa dentro di me mi ha “comandata” e portata ad agire prima che io potessi realizzarlo sul serio.
La mia mente ha fatto agire il mio corpo prima che potessi ordinarle di farlo, non so se mi spiego.

Ciò che è importante è che Corrado adesso stia bene: la mamma non ha più fatto parola sull’accaduto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *